Samsung Galaxy Spica

Da My-Lab.

Galaxy spica - l.JPG

Il cellulare Samsung Galaxy Spica, è uno smartphone basato su android, il sistema operativo open source per cellulari di google, e prodotto dalla coreana samsung a partire dal Q3 del 2009. Il cellulare è dotato di un processore Samsung a 800 MHz, 256 MBytes di ram (circa 50 MB sono dedicati al modem GSM però), display capacitivo HVGA (480x320), videocamera da 3.2MP. Reti: Wifi, Bluetooth, 2G/3G (è presente una Radio FM... ma non ancora non è abilitata). Poca la memoria interna disponibile, ma è facilmente espandibile grazie allo slot MicroSD presente.

Nasce come successore del Samsung i7500 (e curiosamente il numero di modello associato a questo telefono è i5700) con android 1.5. Riceve circa un anno più tardi l'aggiornamento ufficiale a eclair 2.1, tuttavia non saranno rilasciati aggiornamenti ufficiali verso froyo 2.2, né verso gingerbread 2.3.

Attorno al dispositivo c'è una comunità online molto attiva, che si centralizza attorno al portale:

samdroid, del russo LeshaK

e androidiani, in Italia.

Grazie agli sforzi di samdroid, anche sullo spica è possibile installare froyo, godendo, grazie ad esso, di una rinnovata velocità di esecuzione delle applicazione, di un gestore messaggi più scattante, e di un esteso supporto multimediale (tuttavia, con questa mod non è possibile visualizzare file DivX con il riproduttore video di sistema, funzionalità comunque disponibile usando il riproduttore alternativo cinese, ma con comandi in inglese, QQplayer).

Gli step da intraprendere per aggiornare il cellulare e portarlo al massimo delle sue potenzialità (per esempio: multitouch e profondità colori a 24bit, dalvik, gestore messaggi rapido...), sono i seguenti:

  • 1. Flashare l'ultima versione della CyanogenMod, tramite recovery (se si sta effettuando un aggiornamento da un altra versione di Android distribuita su samdroid.net, potete aggiornare senza neanche collegare il cavo usb usando p.e. swiftp o il bluetooth), oppure tramite pacchetto per odin (se è la prima installazione, qui sono disponibili Odin e tutorial per imparare ad usarlo)
  • 2. Convertire in ext2 la partizione dati, per migliorare le performance
  • 3. Convertire il tema di sistema in stile gingerbread, con i pacchetti tema (Theme) e applicazioni (Apps all-in-one for CM). Dopo l'installazione, recarsi su Impostazioni > CyanogenMod > Interfaccia Utente > Status Bar > Colore Orologio, e scegliere un colore bianco sulla ruota, confermare cliccando il colore, perché il nero non si leggerebbe su una barra di stato dello stesso colore. Dalla pagina precedente è possibile scaricare anche l'ottima tastiera di Gingerbread (se non usate già metodi di inserimento alternativi come il notevole swype).
  • 4. Installare la versione consigliata del Lukiqq kernel playground, per migliorare la qualità dell'immagine, abilitare il supporto 3d e altre migliorie

Tra le nuove funzionalità aggiunte in questo rilascio, c'è anche quella che permette di installare applicazioni sulla memoria SD. Lo spazio sul telefono è infatti limitato ed è opportuno abilitare la feature tramite Impostazioni > CyanogenMod > Impostazione Applicazioni > Luogo di Installazione > Memoria Esterna (dopo aver abilitato dalla schermata Impostazione Applicazioni la funzionalità Spostamento App). La mod permette di spostare qualsiasi programma sulla memoria esterna, attenzione però che alcuni applicativi, come per esempio le tastiere devono rimanere sulla memoria interna per funzionare correttamente.

Infine, qualche bug affligge ancora questo rilascio. Per il momento è meglio disabilitare la funzionalità Impostazioni > Impostazioni Privacy > Backup dei miei dati, che viceversa potrebbe sovrascrivere le nostre impostazioni personalizzate al riavvio.